Uovo nero in pochette


Uovo nero in pochette

L’uovo nero in pochette è un piatto innovativo e di grande impatto visivo che si realizza scomponendo e ricomponendo l’uovo. Ispirandomi ad una ricetta di Moreno Cedroni, ho provato a svelarvi i trucchi per realizzare questo gustosissimo piatto.

Ingredienti per 4 uova in pochette

4 uova

1 bustine di nero di seppia

1 sacchetto di cozze

300 g di ceci lessati

polpa di mezzo limone

1 spicchio d’aglio

Cozze: fate aprire le cozze in una padella con olio extra vergine di oliva, la polpa di mezzo limone tagliato a dadini (anche la buccia) ed uno spicchio d’aglio. Coprite e lasciate cuocere a fuoco basso.

uovo0

uovo1

Hummus di ceci: frullate i ceci in un robot da cucina assieme a tre cucchiai di olio EVO, pepe, scorza di limone e qualche cucchiaio di acqua di cottura delle cozze (circa 4 cucchiai). La quantità di acqua di cozze dipende da quanto volete cremoso l’hummus.

uovo7

Uovo in pochette: nel frattempo aprite un uovo e separate il rosso dal bianco conservando il rosso senza romperlo. Io conservo il rosso in una ciotolina che ho precedentemente bagnato. Aggiungete al bianco una punta di nero di seppia e mescolate bene con una forchetta fino a quando non diventa completamente nero.

uovo2

Rivestite una ciotolina con della pellicola trasparente, spruzzatela con olio e versate dentro l’uovo nero appena lavorato. Reincorporate ora anche il rosso dell’uovo.

uovo3

uovo4

Chiudete bene la pellicola trasparente facendo uscire tutta l’aria e fate un nodo con dello spago.uovo01

uovo6

Fate sobbollire per 6 minuti e 30 secondi tutte le uova. A cottura ultimata mettete le uova in una bacinella con acqua fredda per 30 secondi in modo da fermare la cottura. Aiutandovi con le forbici aprite la pellicola trasparente e rimuovete l’uovo in pochette dalla pellicola.

uovo3
Impiattamento: posizionate sul fondo l’hummus di ceci, adagiate l’uovo al centro e completate con delle cozze sgusciate.

uovo4

Buon appetito!

uovo in pochette

uovo11

uovo in pochette

Davide Campagna

Fotografie di Silvia Pozzati